press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Eni - Piattaforma Garibaldi C

Otto gambe, alloggi a bordo, 10 tecnici, 1 cuoco e 1 cameriere formano la Garibaldi C.

La Garibaldi C è una piattaforma offshore costruita nel 1992 ed è una delle più grandi del Mar Adriatico, distante 45 minuti dal molo del distretto di Ravenna.

La caratteristica della Garibaldi C è quella di essere una piattaforma "madre" che raccoglie il gas in arrivo dalle piattaforme satellite (piattaforme limitrofe senza personale a bordo) per la prima compressione. I turni a bordo sono 15+15 ossia quindici giorni in piattaforma e quindici giorni di riposo a casa.

Quando un giacimento di gas si esaurisce e non produce più, le piattaforme Eni restano un assetto importante per sperimentare nuovi progetti di energia rinnovabile (installazione di pale eoliche, energia di maree e moto ondoso, Gas-To-Wire, generazione elettrica) o per altri utilizzi come la piscicultura, le telecomunicazioni, il monitoraggio ambientale e la creazione di laboratori offshore per la raccolta di dati scientifici.Ad esempio, il progetto Poseidon ha già cominciato a trasformare alcune piattaforme dismesse nel Mar Adriatico (Azalea A e PC73) in un Parco Scientifico Marino.

Insomma, c'è vita anche dopo le piattaforme.